La tecnologia di riscaldo si unisce alla lotta contro il Covid-19

Con un filtro metallico che utilizza il calore per bruciare con efficacia batteri e virus trasformandoli in cenere innocua, la soluzione Perfect Clean dell'azienda giapponese Oparz potrebbe dare un contributo alla lotta al Covid-19. Ma questo deve essere ancora testato.

Shinsuke Ohara, president and founder of Oparz, has developed a sterilization equipment to kill microorganisms through a heating process.

Mentre il nuovo coronavirus si diffonde in tutto il mondo, i governi e le aziende stanno adottando misure senza precedenti per arrestarne l'avanzata. L'azienda giapponese Oparz vuole contribuire alla lotta implementando Perfect Clean, un dispositivo con capacità di sterilizzazione a passaggio singolo, composto da un filtro metallico, un ventilatore e uno scambiatore di calore raffreddato ad aria.

La parte esclusiva della soluzione Perfect Clean è il filtro metallico, il riscaldatore 3D. Realizzato in lega Kanthal® AF, utilizza calore ad almeno 350 gradi Celsius per uccidere tutti i batteri o virus che lo attraversano, un'importante misura di sicurezza negli ambienti ospedalieri.

"I nostri antenati hanno ucciso i microrganismi con il calore, per prevenire la diffusione delle infezioni durante le epidemie del passato", afferma Shinsuke Ohara, presidente e fondatore di Oparz. "Abbiamo utilizzato questa conoscenza per sviluppare questa apparecchiatura di sterilizzazione per uccidere i microrganismi attraverso un processo di riscaldo".

Impiegato in uno spazio chiuso, ad esempio una stanza d'ospedale, il riscaldatore 3D fornisce aria non infetta al personale medico.

"Comunemente, si utilizzano i filtri HEPA a tale scopo, ma devono essere sostituiti regolarmente e non possono essere smaltiti come rifiuti generici, poiché contengono ancora piccole quantità di virus attivi, di conseguenza, devono essere maneggiati con cura", afferma Ohara. "Il riscaldatore 3D, invece, brucia completamente il virus. Inoltre, può essere utilizzato 24/7, tutto l'anno, senza manutenzione, evitando così i costi aggiuntivi per la sostituzione dei filtri".

The 3D Heater is the key technology in the Safe Air System concept. Trailers are used as sterilized rooms and can be moved anywhere at any time to meet emergency needs.

Soluzione mobile per situazioni di emergenza

Il riscaldatore 3D è in commercio dal 2003, in uso negli ospedali giapponesi di cura della tubercolosi. Nel 2013 Oparz ha introdotto il concetto di Safe Air System, che utilizza il riscaldatore 3D come tecnologia chiave per prevenire le infezioni secondarie negli operatori sanitari e negli ospedali durante le epidemie virali, ad esempio di virus influenzali ricorrenti o l'attuale coronavirus.

Il concetto include varie soluzioni ospedaliere mobili, con l'uso di rimorchi come stanze sterilizzate dotate di sistema Safe Air, spostabile ovunque e in qualsiasi momento per rispondere alle emergenze.

The 3D Heater is heated to 350 degrees Celsius or more, which is high enough to burn any bacteria or virus into ashes.

Potrebbe contribuire ad alleviare la pandemia

Il concetto di Safe Air System è stato presentato sia alla European BioSafety Association che alla Japanese Biological Safety Association, ma non è stato ancora applicato nella lotta al Covid-19.

"Potrebbero esserci preoccupazioni sull'efficacia di Perfect Clean contro il Covid-19", aggiunge Ohara. "Non siamo stati in grado di raccogliere dati per dimostrarne l'efficacia, poiché questa è la prima epidemia di Covid-19 al mondo. Tuttavia, siamo fermamente convinti che la nostra soluzione potrebbe contribuire ad alleviare la situazione pandemica, poiché l'aria pulita filtrata è importante nell'ambiente ospedaliero".

Oparz è arrivato in finale al Kanthal® Award 2016. Guarda il nostro video:

Kanthal® Award 2016 -  Oparz

Informazioni inerennti

Aggiornamenti

Iscriviti e riceverai notizie e informazioni come questa.

Iscriviti

Contattaci

Hai una richiesta o vuoi semplicemente fare una domanda?

Contattaci

Tecnologia del riscaldatore 3D

Al cuore del riscaldatore 3D troviamo un aggregato poroso chiamato Palblat. Questa lamina metallica di spessore compreso tra 15 e 50 microns, viene lavorata in modo uniforme con microscopici fori passanti e con bave su entrambi i lati.

Per formare il riscaldatore 3D, gli elettrodi vengono applicati prima che il Palblat venga arrotolato in una bobina e legato usando nastro in ossido di alluminio.