È questa la pizza più veloce del mondo?

I nostri ingegneri sono riusciti a ridurre il tempo necessario per cuocere una tradizionale pizza napoletana da 90 a 37 secondi, costruendo un forno con temperatura degli elementi fino a 900 °C. In stretta collaborazione con il pizzaiolo Oskar Montano, potremmo aver realizzato la pizza più veloce del mondo.

Pizza chef Oskar Montano and Björn Holmstedt, Senior R&D Professional at Kanthal.

Kanthal si distingue per innovazione e desiderio di conoscenza. Nella nostra continua ricerca di nuovi e miglioriprocessi di riscaldo insieme ai nostri clienti siamo arrivati a pensare alla... pizza. Ebbene sì. La nostra tecnologia innovativa di riscaldo elettrico produce temperature elevate e un riscaldo preciso e uniforme. E la pizza è proprio quel prodotto la cui qualità dipende dal riuscire a raggiungere la giusta temperatura di cottura e a mantenere fede ai procedimenti radicati nella tradizione. Ci siamo chiesti: possiamo usare la nostra tecnologia per realizzare un forno in cui cuocere la pizza nel modo più veloce al mondo?

The world's fastest pizza: How we made it

Björn Holmstedt, uno dei nostri ingegneri di ricerca e sviluppo più creativi e grande amante della pizza, ha deciso di scoprirlo. Se ci fosse riuscito, avrebbe trovato un ottimo modo per dimostrare le potenzialità che si sviluppano lavorando insieme alla creazione di innovazione vera (senza contare che non bisognava andare tanto lontano perché la prima pizzeria della Svezia si trova vicino al nostro stabilimento di Hallstahammar) .

Ma quanto può essere rapidoilil forno da pizza più veloce al mondo? Abbiamo fatto qualche ricerca e abbiamo scoperto che la pizza napoletana, considerata da molti la pizza per eccellenza, di solito cuoce in circa 90 secondi, a circa 450 °C. Con alcuni tipi di forni, potrebbe richiedere anche un minuto. Abbiamo anche scoperto che qualcuno, usando una spirale Kanthal e molta legna, era riuscito a cuocere una pizza in 45 secondi. 45 secondi sono effettivamente pochi, saremmo riusciti ad impiegare meno tempo?

"Amo cogliere le sfide quasi impossibili e poiché so che il calore ha un ruolo fondamentale nella preparazione della pizza, ho visto in questa sfida l'esperimento perfetto per noi", afferma Björn Holmstedt, Senior R&D Professional di Kanthal.

"Poiché la nostra tecnologia può produrre calore fino a 1.850 °C, l'alta temperatura non è un problema. Tuttavia, fare la pizza è un mestiere di precisione. Per questo, dovevamo sfruttare al meglio la nostra tecnologia per raggiungere una temperatura elevata e precisa controllabile con facilità".

Per essere sicuri di non fare solo una pizza veloce, ma veloce e ottima, abbiamo contattato uno dei massimi esperti di pizza in Svezia: Oskar Montano, co-proprietario della celebre pizzeria di Stoccolma 800 grader (che in svedese significa gradi). Dopo averci dato dei pazzi, ha deciso di unirsi a noi nell'impresa.

The pizza oven, constructed in Kanthal’s factory in Hallstahammar.Björn ha realizzato il forno nel nostro laboratorio di processo. Ha usato otto elementi a porcospino in lega di ferro-cromo-alluminio Kanthal® AF, quattro nella parte superiore e quattro nella parte inferiore del forno, alcuni riflettori, lastre di vetro e cavi. Il forno è basato sul principio del riscaldo a infrarossi, che utilizza la radiazione elettromagnetica per riscaldare l'oggetto che colpisce: la pizza in questo caso.

"Non mi sono preoccupato molto dell'aspetto", afferma. "Fondamentalmente, abbiamo assemblato una scatola in metallo e ci siamo concentrati sullo sviluppo di una soluzione di riscaldo che potesse essere sufficientemente efficiente".

Dopo molti esperimenti e molte rettifiche, siamo arrivati alla soluzione perfetta. L'ultima versione del forno ha prodotto un'ottima pizza in non più di 37,55 secondi!

Timer_Photo Cred August Dellert.jpg

"Sono sorpreso. Non avrei mai pensato fosse possibile. Come pizzaiolo professionista, punto a preparare la pizza perfetta e cerco sempre di migliorare ciò che faccio", afferma Oskar Montano. "Nessun dettaglio è trascurabile. E in Kanthal ho trovato un partner testardo quanto me.


Vuoi scoprire di più sul progetto o parlare con il nostro team di ricerca e sviluppo per vedere cosa possiamo fare insieme?


Contatta Dilip Chandrasekaran, R&D Manager, Kanthal scrivendo all'indirizzo e-mail dilip.chandrasekaran@kanthal.com

Prodotti correlati

Il forno è realizzato con la lega di ferro-cromo-alluminio Kanthal® AF. Viene in genere impiegata per gli elementi riscaldanti di forni industriali ed elettrodomestici, ad esempio i tostapane o le stufe.

Kanthal® AF e altre leghe
Elementi riscaldanti
Moduli di riscaldo
Tubi radianti
Elettrificazione e altri servizi

Contattaci

Hai una richiesta o vuoi semplicemente fare una domanda?

Contattaci

Aggiornamenti

Iscriviti e riceverai notizie e informazioni come questa.

Iscriviti

riscaldo elettrico

Il futuro della tecnologia di riscaldo è elettrico. Il nostro R&D Manager, Dilip Chandraserkaran, spiega i vantaggi del riscaldo elettrico.

The future of heating technology. It's electric.

Voglio saperne di più?

Sei un giornalista e vuoi saperne di più sul progetto o hai bisogno di immagini ad alta risoluzione?

Vai al comunicato stampa

Informazioni sulla tecnologia

Il forno è costruito sul principio del riscaldo a infrarossi, ovvero utilizza la radiazione elettromagnetica per riscaldare l'oggetto.

Oltre alla radiazione elettromagnetica, sono presenti riflettori che aiutano a diffondere il calore.

Il forno ha otto elementi a porcospino in lega di ferro-cromo-alluminio Kanthal® AF, quattro nella parte superiore e altrettanti nella parte inferiore del forno. La temperatura dell'elemento è di 900 °C.

Il filo per resistenze elettriche Kanthal® AF può essere utilizzato a temperature fino a 1.300 °C.

La lega Kanthal® AF è stata scelta per la sua eccezionale stabilità di forma alle alte temperature, oltre a ottime qualità ossidanti.

Il design a porcospino degli elementi fornisce una buona uniformità di temperatura in quanto il calore radiante insieme alla maggiore superficie della serpentina contribuisce a una resa migliore degli elementi.